EXTRATERRENI

Viaggio multimediale tra i prati dell’eternità

PICCOLO ELISEO PATRONI GRIFFI
18 aprile 2011 ore 20.45

di Valeria Paniccia
con Mariano Rigillo, Anna Teresa Rossini, Manuela Mandracchia, Giulio Forges Davanzati

Perdersi nelle città senza tempo e lasciarsi guidare da chi ha conosciuto sepolti che forse non sono mai morti.
Extraterreni nasce come una serie televisiva del canale RaiSat Extra. È un viaggio attraverso i cimiteri monumentali italiani e stranieri, giardini pieni di vita, di memoria e di emozioni a portata di mano, in compagnia di guide speciali che hanno conosciuto, o solo amato per affinità, le persone altrettanto speciali che ora riposano.
Così può capitare che, passeggiando e leggendo una scritta sulla lapide, si apra un mosaico di biografie, testimonianze, spezzoni di cinema, rari brani di repertorio delle Teche Rai ma anche inediti frammenti di pellicola provenienti da archivi lontani, brandelli di versi o liriche intere, dipinti, immagini fotografiche, segni che ci aiuteranno, forse, a riflettere sul senso della vita. E, forse, a riconciliarci con l’idea della morte, ultimo tabù.

Extraterreni diventa ora un viaggio multimediale per il teatro con frammenti di video, immagini di ultime dimore, musiche.
Un Virgilio in scena, con la grazia di un neofita, ci conduce attraverso sentieri carichi di emozioni e di cultura. Gli attori si fanno interpreti di vissuti sfuggiti alla telecamera.

“Non solo in scena. Il mio vuol essere un invito alla pratica di turismo nuovo – afferma la regista – insolito e suggestivo. Un’esperienza che di certo arricchisce. Un fatto sconvolgente e silenzioso avverrà a breve: non sarà più necessario tumulare le urne e raccogliere le ceneri nelle cellette cinerarie. Le città dei morti, per legge, saranno destinate a sparire. Affrettiamoci a visitare tombe e cimiteri, oggi ancora portatori di senso. Le lapidi sono porte, non muri”.

– Il Corriere Adriatico –